Notizie
Granfondo Alé La Merckx 2022: Fabio Cini bissa il successo del 2021. Elena Palmisano è la Regina delle donne.
06 GIU 2022

Verona torna a vivere un grande giorno di ciclismo, con la granfondo internazionale Alé La Merckx. Già trionfatore lo scorso anno, il toscano Fabio Cini si riconferma vincitore sul percorso lungo, dopo una gara sofferta. 
Nelle donne, è prima la leccese Maria Elena Palmisano, davanti alla campionessa della nazionale di corsa in montagna Camilla Magliano.Alla partenza gran parterre di corridori e VIP: da Sonny Colbrelli al cantante Paolo Belli all’ex calciatore Fabrizio Ravanelli.

Ritorna come da tradizione nel primo weekend di giugno la spettacolare corsa internazionale Alé La Merckx, granfondo di Verona.

1850 i ciclisti iscritti all’evento 2022, provenienti da ogni angolo del mondo: 18 statunitensi (tra cui una coppia che ha festeggiato in bici il viaggio di nozze) 11 gli argentini, 5 i colombiani e poi tedeschi, francesi, belgi, svizzeri, turchi, inglesi, australiani, cechi, danesi, spagnoli, polacchi, emiratini, per un totale di 20 diverse nazionalità rappresentate. Gli atleti sono partiti questa mattina alle 8 dalla splendida Piazza Bra, a pochi metri dall’Arena di Verona.

La granfondo Alé La Merckx, alla sua 15ª edizione, è dedicata al “cannibale” Eddy Merckx ed al celebre brand veronese di abbigliamento ciclistico Alé.

Alla partenza, oggi, Alessia Piccolo (l’amministratore delegato di APG, l’azienda a cui Alé fa capo) e nomi eccellenti come il campione della Bahrain Victorious Sonny Colbrelli col fratello Tomas, Edoardo Zambanini (Bahrain Victorious), Davide Gabburo (Bardiani CSF), l’ex vicecampione del mondo a cronometro Adriano Malori, Matteo Badilatti e Valter Attila (Groupama FDJ), gli ex pro Lello Ferrara e Pietro Caucchioli, l’ex campionessa mondiale su strada Alessandra Cappellotto, il cantante Paolo Belli e l’ex calciatore Fabrizio Ravanelli.

Due i percorsi tra cui gli atleti potevano scegliere: la granfondo di 129 km con un dislivello di 2.600 m e la mediofondo di 82km, con un dislivello di 1.450 m.

La classifica finale vede dunque il senese Fabio Cini della ASD Capitani Minuterie Metalliche vincere allo sprint sul forlivese Enrico Filippi (Vivo MG.K Vis Dal Colle); terzo a 7” il lecchese Stefano Bonanomi, della ASD Team MP Filtri.

Fabio Cini, dopo un formidabile 2021 con 7 vittorie, aveva già primeggiato quest’anno nella Granfondo WhySport di Valdagno (Vicenza). La sua gara viene conclusa dopo 130 km a 35,26 km/h di media.

La competizione femminile ha visto premiata la ciclista pugliese Maria Elena Palmisano, che dopo una brutta caduta alla GF Nove Colli di 15 giorni fa, ha preso comunque il via oggi. La leccese era già arrivata seconda qui a Verona lo scorso anno. La Palmisano ha condotto una gara in solitaria alla media di 31 km/h, terminata dopo 4h08’52”. Dietro di lei Camilla Magliano (Granbike Velo Club Torino), protagonista della scena mondiale nella corsa a piedi in montagna, ed Anastasia Mazzolin (Danieli 1914 Sporting Club).

Il corto femminile è stato invece vinto da Lisa De Cesare (Highroad Team ASD) davanti Anna Biani (Team Armistizio Zerolite) e Serena Maria Merotto della ASD Team Pissei.